La maggior parte delle persone esiste, questo è tutto

Black Panther artista Emory Douglas ispira London riots installazione a Hackney Central

Giovani attivisti artistici hanno creato un paesaggio sonoro e un film a Hackney Central per celebrare i 10 anni dalle rivolte di Londra del 2011.

Il regista Johan Shay e la ballerina ucraina Olga German hanno lavorato insieme all’installazione artistica, chiamata A Scape of Movement – un video sul retro di un camion – fuori dalla stazione.

Il progetto è stato ispirato da master class online con l’artista americano ed ex ministro della cultura per il Black Panther Party, Emory Douglas, insieme al fotografo ufficiale del movimento britannico Black Panther, Neil Kenlock, come parte del programma international Empire Strikes Back (ESB).

Olga ha detto: “Incontrare Emory Douglas di persona è stato potente. Ho avuto modo di conoscere meglio la sua visione di artista rivoluzionario.

“È stato speciale collaborare con Johan e vedere una protesta dal punto di vista di diverse forme d’arte – suono e movimento. Entrambi abbiamo assistito a diverse proteste, le rivolte in Inghilterra del 2011 e la rivoluzione Euromaidan in Ucraina.

“Trovare i punti di connessione ha dimostrato che la lotta per i diritti umani è qualcosa al di là di una nazionalità o di un background.”

Nel 2011, le rivolte sono scoppiate a Londra e in altre grandi città del Regno Unito in seguito alla sparatoria mortale di Mark Duggan da parte della polizia. Euromaidan è stata un’ondata di manifestazioni e disordini civili in Ucraina nel 2013, dopo che il paese dell’Europa orientale ha sospeso un accordo con l’Unione europea.

Hackney Central è stato uno dei quattro siti londinesi in cui si sono svolte installazioni artistiche, tutte aree più colpite dalle rivolte dell’agosto 2011.

Johan ha aggiunto: “Sono nato in una famiglia di registi attivisti sociali e ricordo quando avevo 13 o 14 anni e le rivolte di Londra filtravano fino a Camden dove vivevo.

Ho un chiaro ricordo delle mie tre sorelle maggiori, Rosa, Aymara e Robina, che mi tenevano vicino mentre facevamo il nostro cammino a piedi.”

L’artista Emory Douglas, la cui iconica opera grafica raffigurava l’oppressione afroamericana in manifesti, opuscoli e il giornale Black Panther, ha dichiarato: “Sono onorato di trasmettere l’ispirazione alla prossima generazione di attivisti artistici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *